Reclami

Per reclamo si intende ogni atto con cui un cliente, chiaramente identificabile, contesta, in forma scritta (es. lettera, e-mail), all’intermediario un suo comportamento o un’omissione.

Qualora il cliente intenda presentare reclamo può inviarlo:

  • a mezzo raccomandata a.r. a:

Fides S.p.A.
c.a. Ufficio Reclami
Via Ombrone 2/G
00198 Roma (RM)

  • a mezzo posta elettronica certificata (PEC) alla casella: reclamifides@postacert.cedacri.it; la casella è abilitata alla sola ricezione di messaggi di posta certificata (PEC).

  • a mezzo fax al n. 0362/48.81.66.

Fides risponde entro 30 giorni dalla ricezione del reclamo.

Si precisa che, al ricevimento del reclamo Fides provvederà ad inviare tempestivamente conferma dell'avvenuta presa in carico della contestazione. Si segnala, parimenti, che i tempi di evasione dei reclami tengono conto della sospensione dei termini prevista dalla Banca d'Italia dal 23 dicembre al 6 gennaio e dall'1 al 31 agosto di ogni anno.

Se il reclamo risulterà fondato, Fides informerà per iscritto il Cliente; qualora la soluzione del problema segnalato dal Cliente non potesse essere immediata o richiedesse interventi organizzativi/tecnologici, la risposta preciserà – per quanto prevedibili – i tempi tecnici che risulteranno necessari.

Nel caso si ritenesse, invece, di non accogliere il reclamo, Fides risponderà comunque per iscritto precisando le ragioni della sua decisione.

In quest’ultimo caso o se il cliente non risultasse soddisfatto o non avesse ricevuto risposta, prima di ricorrere al giudice, il cliente potrà rivolgersi all’Arbitro Bancario Finanziario (ABF).

In questa sezione è messa a disposizione della clientela la Guida pratica ABF in parole semplici, che potrà essere anche richiesta presso la rete distributiva di Fides.

Il ricorso all’ABF deve essere redatto utilizzando la modulistica reperibile sul sito internet www.arbitrobancariofinanziario.it e in tutte le filiali della Banca d’Italia.

Ultima modifica 01/07/2019